Aion a Firenze

AION, le sculture di Louise Manzon al Museo Marini di Firenze

Dall’8 luglio all’8 settembre una mostra tutta al femminile che coniuga l’incessante scorrere del tempo con il ripetersi costante del fenomeno migratorio.

Ingresso gratuito

Sculture di figure femminili ricoperte di materiali poveri, fili di ferro, frammenti di reti metalliche, cocci di ceramica ma incoronate come vere regine, archetipi femminili portatrici di vita, di lotte affrontate nella storia, nelle culture, nelle religioni, nelle geografie per custodire sogni e speranze, interpreti della forza e della dignità umana messa alla prova dal ripetersi costante del fenomeno migratorio.

Sono loro le protagoniste di “AION”, un progetto firmato dall’artista franco-brasiliana Louise Manzon in mostra al Museo Marino Marini di Firenze da lunedì 8 luglio fino all’8 settembre. L’ingresso è gratuito.

L’animo cosmopolita di Louise Manzon, figlia di Jean Manzon, regista e fotoreporter per Paris Soir e Paris Match, si riflette nella sua arte che esalta l’immaginario della donna quale “custode del principio creatore e madre di un tempo trascendente e assoluto”, secondo una definizione data dalla classicità e incarnata nella parola che dà il titolo alla mostra, Aion.