• Come far crescere l’imprenditorialità in Italia

    F_Confuorti_120_002

    di Francesco Confuorti

     

    Mai come oggi, con la globalizzazione e la grande crisi in corso, il processo di nascita, sviluppo, selezione competitiva, quindi sopravvivenza di alcuni e scomparsa di molti, che Schumpeter chiamò processo di “distruzione creativa”, è stato così drammatico e centrale. L’imprenditore ne è il fulcro, e lo sviluppo di nuove imprenditorialità, di capacità di rischiare, di innovare, e di creare nuova attività economica competitiva, sono le sue caratteristiche fondamentali. L’Italia, paradossalmente, se nel tempo ha mostrato di essere capace di produrre generazioni di grandi imprenditori, di innovatori e visionari, è forse uno dei contesti più avversi oggi allo sviluppo di quelle caratteristiche che sono alla base dell’imprenditorialità e meno favorevoli al loro emergere.

    Vorrei elaborare qui brevemente tre considerazioni che mi paiono cruciali, e che si collegano bene con quel che ho già detto in una mia recente intervista sugli aspetti positivi e negativi degli imprenditori nel nostro Paese. Sono considerazioni maturate nella mia esperienza professionale, prima alle dipendenze di alcune importanti Investment Banks americane, poi direttamente in prima persona, come banchiere da quando, vent’anni fa, ho deciso, di aprire una mia propria società Advantage Financial che oggi opera a Milano, New York e Lussemburgo. – Leggi tutto

    Read More
  • Obama e lo stato dell’Unione

    F_Confuorti_115_0061

    di Francesco Confuorti
     
    Il discorso sullo Stato dell’Unione del Presidente Obama è stato ottimista, e incentrato quasi completamente sulla politica sociale e l’economia domestica. Presenta una sola proposta sostanziale degna di nota, ovvero l’incremento del salario minimo garantito a 10,10$, un provvedimento che, peraltro, se non sottoscritto dal Congresso, si applicherà solo o prevalentemente ai dipendenti pubblici, federali e statali. La parte sulla politica estera è breve, e di sostanza c’è di fatto solo il ritiro della presenza militare in Iraq e in Afghanistan.
    È vero che gli Stati Uniti sono usciti dalla crisi con maggiore successo di molti altri paesi, e che oggi l’America è di nuovo un paese in crescita, dove investire, e che si confronta bene con la concorrenza internazionale. È vero che la disoccupazione si è ridotta. Questo è certo il risultato di politiche espansive, monetarie e fiscali, e dell’indebitamento… – Leggi tutto

    Read More
  • Crescita e Governance in Africa

    marco_annunziata120x120

    di Marco Annunziata

     

    Africa is increasingly seen as the most promising growth region in the global economy. Its potential has long been recognized, given abundant natural resources and a large, young and fast-growing population. Over the past decade this potential has begun to turn into actual performance, as economic reforms and improvements in governance and institutions have broken a long history of economic instability, conflict and corruption.

    If this time it is for real, Africa represents a tremendous opportunity for the global economy and for global industry players, who can contribute to developing the massive endowment of oil and other commodities, building the infrastructure needed to foster economic growth, from railway links to power generation, and improving both distributed and urban health care provision. African businesses are also poised to reap substantial rewards: they recognize the disruptive potential of accelerating innovation as the digital world meets the physical, and they are ready to become enthusiastic early adopters of new technologies. Most importantly, this is a tremendous opportunity for Africa’s citizens to enjoy a rapid and sustained rise in living standards. – Leggi tutto

    Read More